Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

La rinascita della Pinacoteca Tosio Martinengo tra nuovi orizzonti e prospettive uniche

Un cortile d'inverno e un giardino aperto: i nuovi capitoli nella storia della Pinacoteca

La Pinacoteca Tosio Martinengo sta vivendo una nuova era di rinascita e trasformazione. Dopo essere stata chiusa per dieci anni, la prestigiosa istituzione sta finalmente per raggiungere il suo traguardo definitivo, offrendo alla città un luogo di cultura e bellezza completamente rinnovato.

L’inizio di questa nuova fase risale a qualche tempo fa, con la mostra di Minini e Arcai, che ha segnato l’inizio dei lavori di riqualificazione. Purtroppo, i fondi inizialmente stanziati si esaurirono prima del completamento del progetto, ma l’amministrazione Del Bono ha preso in mano la situazione e ha portato a termine i lavori, sebbene non tutte le sale siano state riaperte al pubblico.

La Pinacoteca si è riaffermata come un luogo di eccellenza nella città, ma c’era ancora un aspetto fondamentale da completare: la copertura del cortile interno. La Loggia aveva avanzato un progetto che avrebbe consentito la fruizione invernale del cortile e la creazione di un dehor per la caffetteria, ma ci sono stati ostacoli burocratici con la Soprintendenza riguardo alla copertura in acciaio e vetro.

Le divergenze di vedute tra la Loggia e la Soprintendenza hanno portato a un punto morto nella realizzazione del progetto. È stato persino necessario ricorrere al Tar per risolvere la questione. Ci si è chiesti se il Comune avesse anticipato troppo i tempi, affidando il progetto e i lavori senza avere il via libera definitivo, oppure se la Soprintendenza si fosse concentrata su dettagli superflui.

Ora, finalmente, sembra esserci una nuova speranza per il completamento del progetto di copertura. Il Comune sta avviando la progettazione di una chiusura vetrata del porticato che circonda il cortile, una soluzione alternativa alla copertura iniziale. Questa soluzione consentirebbe di offrire uno spazio esterno fruibile anche nei mesi invernali, mantenendo il cortile della caffetteria aperto.

Il dialogo tra il Comune e la Loggia è stato cruciale per superare gli ostacoli precedenti. I vertici “politici” e tecnici hanno lavorato insieme per condividere le linee guida per il completamento della Pinacoteca. La chiusura vetrata del porticato è ora considerata l’opzione migliore per garantire una nuova vita al cortile.

Questo è solo uno dei tanti capitoli nella storia di rinascita della Pinacoteca Tosio Martinengo. Castelletti, Rinaldi e i tecnici coinvolti stanno affrontando anche altre sfide necessarie per concludere i lavori e restituire alla città un gioiello culturale completamente restaurato.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Esplorazione della vita carceraria attraverso gli occhi dei detenuti in una serie digitale innovativa...

Altre notizie

Brescia Tomorrow