Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Industria manifatturiera bresciana: una flessione del 2023 che fa riflettere

Dati preoccupanti provenienti dal Centro Studi di Confindustria Brescia e le sfide che il settore si prepara ad affrontare nel 2024

L’industria manifatturiera bresciana ha recentemente attraversato un periodo di significativa flessione, segnando il suo primo declino dal 2013, secondo quanto riportato dal Centro Studi di Confindustria Brescia. Questo segno meno si è manifestato nel 2023, quando il settore ha registrato una debole flessione dello 0,2% rispetto all’anno precedente. Questo risultato è stato particolarmente significativo, considerando i notevoli tassi di crescita sperimentati nel biennio precedente, con un aumento del 14,8% nel 2021 e del 5,4% nel 2022.

L’indagine congiunturale del Centro Studi di Confindustria Brescia, basata sui dati relativi al periodo ottobre-dicembre 2023, ha rivelato che questa flessione è stata principalmente causata da una componente negativa propria del settore (-0,7%), che è stata solo parzialmente compensata dalla crescita ereditata dal 2022 (+0,5%). Questo andamento del mercato locale ha destato preoccupazioni, poiché ha segnato un punto di svolta rispetto agli anni di crescita costante.

Nel quarto trimestre del 2023, la produzione ha registrato una modesta crescita del 1,6% rispetto al trimestre precedente, indicando un miglioramento congiunturale. Tuttavia, quando si è confrontata la dinamica con il quarto trimestre del 2022, si è rivelata una nuova contrazione del 2,3%, con una maggiore intensità rispetto ai trimestri deboli precedenti. Questa tendenza negativa è stata ulteriormente evidenziata dalla variazione prevista per il 2024, che si preannuncia negativa con una contrazione dell’1,6%. Questo declino è attribuito all’indebolimento del settore manifatturiero locale, che è stato rilevato a partire dalla primavera del 2023.

Franco Gussalli Beretta, presidente di Confindustria Brescia, ha commentato questi dati preoccupanti dicendo: “Come abbiamo avuto più volte modo di sottolineare, il Made in Brescia ha pagato, nel corso del 2023, una serie di fattori, tra cui spicca il generalizzato rallentamento del settore produttivo a livello mondiale“. Questa affermazione riflette il fatto che l’industria manifatturiera bresciana ha dovuto affrontare le sfide di un rallentamento globale nel settore produttivo, il che ha influito negativamente sulle sue prestazioni.

Gussalli Beretta ha anche aggiunto: “Nel corso dell’anno scorso ci sono stati una serie di aspetti che ci trascineremo, anche nel 2024 da poco iniziato, e che ci inducono a essere cauti sulle previsioni per l’anno“. Questa prudenza nelle previsioni per il 2024 indica che il settore manifatturiero bresciano sta preparandosi ad affrontare ulteriori sfide nel prossimo futuro, cercando di adattarsi a un ambiente economico in continua evoluzione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Aziende bresciane alle prese con la difficoltà di reperimento del personale qualificato...
L'erosione dei risparmi delle famiglie bresciane supera il miliardo di euro...

Altre notizie

Brescia Tomorrow