Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Sicurezza, linea dura del Governo: carcere anche per le madri

Norme incisive anche contro borseggio e accattonaggio

L’inasprimento delle misure di sicurezza urbana è al centro dell’attenzione, con il governo che varca una nuova soglia nella lotta al borseggio e all’insicurezza sui mezzi pubblici. Tuttavia, una delle norme più dibattute suscita preoccupazioni: “Carcere anche per le madri.”

Il “governo della famiglia,” guidato dal ministro dell’Interno Piantedosi, ha confermato la sua linea dura sulla sicurezza, introducendo una disposizione che consente di inviare in carcere anche le madri con figli di età inferiore a tre anni. Tale decisione è stata annunciata in seguito al Consiglio dei ministri del 16 novembre 2023. Secondo il ministro, il rinvio della pena per le madri sarà ora valutato discrezionalmente dal giudice, affermando che la maternità non può giustificare atti criminali.

La misura mira principalmente alle madri recidive, comprese quelle con bambini di età inferiore ai 3 anni, escludendo, però, donne incinte e madri con figli sotto l’anno di età. Tuttavia, sorge la questione della conformità di tale normativa alla Costituzione italiana.

Le nuove disposizioni non si limitano alle madri, poiché il governo ha adottato una serie di iniziative per contrastare il borseggio nei mezzi pubblici e nelle metropolitane. Il Questore ha ora il potere di vietare l’accesso a tali luoghi per coloro che sono stati denunciati o condannati per reati contro il patrimonio o la persona. Nei processi per tali reati nelle aree del trasporto pubblico, è previsto il divieto di accesso a questi luoghi anche in caso di sospensione condizionale della pena.

Ulteriori misure riguardano l’impiego di minori nell’accattonaggio. Oltre alle sanzioni per chi organizza o favorisce questa attività, si introduce una specifica norma per punire chi induce i minori a praticare l’accattonaggio anziché frequentare la scuola, usando la violenza o la minaccia.

Il governo sembra voler affrontare in modo deciso la crescente preoccupazione per la sicurezza urbana, ma la discussione sulla legittimità di alcune norme rimane aperta, sollevando interrogativi sulla loro compatibilità con i principi costituzionali.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un appuntamento cruciale per la vita dei quartieri cittadini...
Un interrogativo alza il livello del dibattito su un fenomeno radicato...
Nuove tariffe per sostenere la riqualificazione del Teatro Romano...

Altre notizie

Brescia Tomorrow