Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Terre d’Aenòr: eccellenza Bio e giovane talento al timone

Eleonora Bianchi, a soli 28 anni, guida la miglior azienda bio d'Italia premiata dalla Guida Bio 2024 Terre d'Aenòr

La regione di Brescia può vantarsi di ospitare la miglior azienda bio d’Italia nel 2024, e al timone c’è una giovane talentuosa donna di soli 28 anni. Il prestigioso riconoscimento è stato conferito dalla Guida Bio 2024 Terre d’Aenòr durante il Salone dei Vini di Guida Bio a Salerno. La cantina, situata a Provaglio d’Iseo e diretta da Eleonora Bianchi, ha conquistato il merito in una competizione nazionale dedicata esclusivamente ai vini biologici certificati o in conversione, un settore che attualmente supera i 9 miliardi di euro l’anno.

La Giovane Guida del Biologico

Il cuore della filosofia di Terre d’Aenòr è la scelta fondamentale di abbracciare l’agricoltura biologica. In un’intervista, Eleonora Bianchi ha sottolineato l’importanza di rispettare la filiera del biologico dalle vigne fino alla bottiglia. Tutti i loro vini sono caratterizzati da bassi dosaggi di anidride solforosa, rispettando ampiamente i limiti imposti per il biologico (55 mg/l rispetto al limite di legge di 150 mg/l). Il premio di miglior azienda bio emergente 2024 è un riconoscimento del potenziale della Franciacorta e un forte incentivo a perseverare nel percorso intrapreso.

La Storia Familiare di Terre d’Aenòr

La storia di Terre d’Aenòr è una storia di famiglia che inizia nel 2003, quando il padre di Eleonora ha iniziato ad acquisire vigneti nella regione di Franciacorta. Il progetto ha preso forma nel 2018 con l’entrata di Eleonora nella gestione, supportata dalla sua famiglia e dalla vasta esperienza di Ermes Vianelli, direttore tecnico con oltre 40 vendemmie alle spalle. Attualmente, la proprietà si estende su 46 ettari vitati, distribuiti in 33 appezzamenti e 7 Comuni diversi. La produzione di Franciacorta, comprendente varietà come Brut, Extra Brut, Satèn, Rosé, Pas Dosé e Demis Sec, ammonta a circa 250.000 bottiglie, con prospettive di crescita fino a 300.000 e oltre. Il mercato di riferimento rimane esclusivamente nel canale Horeca.

Riconoscimenti Continui

Oltre al prestigioso riconoscimento della Guida Bio, Terre d’Aenòr ha ottenuto altri importanti premi nel corso dell’anno. L’Extra Brut 2019 ha ricevuto i Due Bicchieri dal Gambero Rosso, mentre il Pas Dosé 2019 è stato insignito delle Quattro Stelle dalla guida ViniBuoni d’Italia firmata dal Touring Club. Questi successi testimoniano la costante dedizione alla qualità e all’innovazione che contraddistingue Terre d’Aenòr nel panorama vinicolo italiano.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Aziende bresciane alle prese con la difficoltà di reperimento del personale qualificato...
L'erosione dei risparmi delle famiglie bresciane supera il miliardo di euro...

Altre notizie

Brescia Tomorrow