Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Valcamonica sotto la minaccia delle valanghe: 12 fronti di rischio

Le nevicate prolungate pongono la valle di Lozio in allerta, mentre la Comunità montana lavora per mitigare i pericoli.

La Valcamonica, rinomata per la sua bellezza naturale e le sue attività sciistiche, si trova attualmente ad affrontare una minaccia imminente: le valanghe. Dodici fronti di pericolo si ergono come sentinelle, con la valle di Lozio a fare da epicentro delle preoccupazioni. Mentre la stagione sciistica si protrae grazie alle abbondanti nevicate, i gestori degli impianti passano dall’euforia alla preoccupazione.

La situazione più critica si concentra nella valle di Lozio, dove il pericolo è stato evidenziato dieci anni fa da un’epica valanga che ha raggiunto persino il parcheggio del paese. Da Ponte di Legno a Montecampione, le montagne sembrano brulicare di un’incessante minaccia, con la neve che scivola a valle come una cascata inarrestabile. Il rischio è ancora limitato, ma l’innalzamento della quota neve e delle temperature potrebbe ribaltare la situazione in qualsiasi momento.

La Comunità montana è al lavoro per mitigare i pericoli, con opere di ingegneria che cercano di contenere il potenziale disastro. Sebbene siano stati compiuti progressi, l’allerta rimane alta, con il costante monitoraggio della situazione da parte dei tecnici comunali e regionali, anche con l’ausilio dei droni.

Tuttavia, una nuova perturbazione in arrivo potrebbe aggravare una situazione già precaria. L’unica finestra di bel tempo prevista offre un breve respiro, durante il quale gli interventi di prevenzione potranno essere intensificati. L’elicottero con la campana Daisybell sarà pronto a intervenire lungo i pendii più pericolosi, mentre le piste sciistiche resteranno chiuse per garantire la sicurezza dei visitatori.

La valle di Lozio e le sue montagne rimangono sotto osservazione costante, pronte a fronteggiare il pericolo imminente delle valanghe con la determinazione e la prontezza necessarie per proteggere le vite e i beni dei residenti e dei visitatori della Valcamonica.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le Autorità Regionali ampliano il monitoraggio del sito inquinato da cromo esavalente e altri metalli...
Rumore incessante e inquinamento: il disagio quotidiano vissuto a Buffalora...
L'emergenza rifiuti a Urago Mella, Brescia, richiede soluzioni immediate...

Altre notizie

Brescia Tomorrow