Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Il patrimonio del lago d’Iseo: “Le Palafitte” di Sulzano dimenticate

La loro storia ha conosciuto momenti di riflettori internazionali quando, nel 2016, durante l'evento Floating Piers, ospitarono la mostra del fotografo Wolfgang Volz

Il Lago d’Iseo nasconde tra le sue acque storie di bellezza e di abbandono, raccontate dalle strutture che un tempo vibravano di vita e ora giacciono in silenzio. Tra queste, le Palafitte di Sulzano emergono come simboli di potenziale inespresso e di speranze di rilancio ancora in sospeso. Un tempo, queste strutture, accessibili sia da terra che navigando sul lago, brillavano come ristorante di fascia alta e discoteca, prima di cadere in rovina dopo la chiusura nel 2014. La loro storia ha conosciuto momenti di riflettori internazionali quando, nel 2016, durante l’evento Floating Piers, ospitarono la mostra del fotografo Wolfgang Volz, testimoniando la possibilità di una rinascita che, tuttavia, si è dimostrata effimera.

Nonostante le promesse del 2019 fatte dall’Autorità di Bacino del Lago d’Iseo riguardo la ricerca di un nuovo gestore che avrebbe dovuto assicurare un futuro alle Palafitte, l’attesa per una soluzione si protrae. L’amministrazione comunale di Sulzano si è mostrata aperta a collaborare per il rilancio, lavorando su un “grande progetto” di cui, però, non si sono ancora visti i frutti. La situazione di stallo riflette una più ampia problematica di valorizzazione e recupero del patrimonio architettonico e ambientale del Sebino, come evidenziato anche dalla condizione di abbandono del promontorio di Montecolino, chiuso al pubblico da oltre vent’anni.

Questi luoghi, insieme alle vecchie strutture industriali della Caproni e della N&K vicino a Montecolino, rappresentano un patrimonio di archeologia industriale ancora intrappolato tra le maglie del pericolo amianto e dell’incuria. Nonostante siano stati temporaneamente riaperti per supportare la realizzazione della passerella di Christo, testimoniano la difficoltà degli amministratori locali nel bilanciare lo sviluppo con la tutela dell’integrità paesaggistica e storica del lago. La critica di Dario Balotta, presidente del Circolo Legambiente Basso Sebino, punta il dito contro la tendenza a privilegiare investimenti in nuove opere che, pur di attrarre turismo e interesse, rischiano di compromettere l’autenticità e la bellezza naturale del lago, come nel caso del “teatro balneare” di Sulzano e altri progetti controversi.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dal 27 aprile al 1° maggio, il pittoresco lungolago di Salò si trasforma in un...
Con l'arrivo della primavera, il tessuto culturale e commerciale delle nostre città si anima con...
Andrea Braido brilla come ospite d’onore nella celebre manifestazione di Brescia, un evento che trasforma...

Altre notizie

Brescia Tomorrow