Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Presidio davanti agli uffici Aler: la lotta per il diritto alla casa a Brescia

Diverse realtà bresciane si uniscono in un sit-in per affrontare il grave problema abitativo e avanzare richieste concrete.

Un presidio organizzato da varie associazioni e gruppi attivi nel territorio bresciano si è svolto ieri, 29 febbraio, davanti alla sede dell’Aler in viale Europa. L’azione è stata pianificata durante l’orario di apertura degli uffici al fine di garantire l’attenzione dei dirigenti alle richieste avanzate. Tra i promotori, si distinguono diverse realtà bresciane impegnate nella battaglia per il diritto alla casa.

Umberto Gobbi, rappresentante dell’associazione Diritti per Tutti, sottolinea che le recenti iniziative annunciate dal Comune di Brescia per aumentare il numero di alloggi di edilizia popolare rappresentano solo un primo passo. Tuttavia, la situazione rimane drammatica, come evidenzia la necessità di garantire almeno 200 posti nel prossimo bando Aler/Comune. Gobbi riporta che, nel 2023, solamente 94 posti sono stati resi disponibili, risultando insufficienti di fronte alla gravità del problema abitativo.

Il Comune ha dichiarato il recupero di 113 alloggi dopo lavori di manutenzione e possiede attualmente 2.132 case destinate all’edilizia popolare, di cui il 20% sono attualmente vuote. I manifestanti esigono che questa quota sia immediatamente assegnata per rispondere alle esigenze abitative della città.

Le richieste non si limitano al Comune; anche l’Aler è sotto osservazione. Con un patrimonio di oltre 2.200 alloggi, i manifestanti chiedono un chiarimento sul numero di unità vuote e un impegno preciso sul loro recupero e conseguente disponibilità.

Al sit-in hanno partecipato tre consiglieri comunali, che si impegnano a monitorare da vicino gli sviluppi positivi annunciati. Tuttavia, si sottolinea come la situazione attuale sia anche il risultato di una gestione passata critica, attribuita alla destra.

Un altro nodo cruciale affrontato riguarda la disparità tra gli affitti brevi e la carenza di case per chi lavora o studia. Si sottolinea la necessità di un intervento legislativo da parte del governo per risolvere questa problematica.

La situazione del mercato degli affitti evidenzia uno scenario bloccato, con un’enorme disparità tra l’offerta per la locazione normale e quella per gli affitti turistici. Ciò comporta un aumento significativo dei costi di affitto, rendendo difficile l’accesso all’abitazione per molte persone, compresi gli immigrati.

Infine, i manifestanti avanzano ulteriori richieste, come l’abbattimento delle spese condominiali nelle Case del Sole e il ripristino del tavolo degli sfratti in Prefettura, per garantire una gestione più umana delle situazioni di emergenza abitativa.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Tra il 24 e il 28 aprile, il pittoresco centro storico di Castel Mella si...
Dal 27 aprile al 1° maggio, il pittoresco lungolago di Salò si trasforma in un...
Con l'arrivo della primavera, il tessuto culturale e commerciale delle nostre città si anima con...

Altre notizie

Brescia Tomorrow