Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Giovane donna esempio di coraggio: fuga dall’Albania, dalla prostituzione a da un matrimonio combinato

La 32enne albanese, dopo una vita di sofferenza, ha trovato rifugio proprio a Brescia

La sua storia è un doloroso viaggio attraverso l’inferno, un incubo da cui finalmente sembra essersi risvegliata. Oggi, a 32 anni, questa giovane donna ha ottenuto la protezione sussidiaria dal tribunale di Brescia, un riconoscimento che le garantirà sicurezza per i prossimi cinque anni. Ma come ha fatto a giungere a questo punto?

Una fuga disperata

La giovane donna ha lasciato la sua casa in Albania quando aveva appena 18 anni. Con un visto turistico in mano, è arrivata in Italia, ma ben presto è diventata clandestina. La sua speranza di iniziare una nuova vita si è infranta quando è stata fermata e identificata dalla polizia e successivamente espulsa. Tuttavia, questo era solo l’inizio delle sue sfide.

Matrimoni forzati e violenza

Ritornata in Albania, si è trovata di fronte a un destino crudele: un matrimonio combinato che aveva lo scopo di soddisfare gli interessi della sua famiglia. Ma il suo spirito ribelle l’ha spinta a scappare di nuovo. Questa volta, è fuggita con un altro uomo e è tornata in Italia, sperando di trovare rifugio e felicità. Tuttavia, la realtà è stata molto diversa.

Una vita di sofferenza

In Italia, ha sposato l’uomo con cui era fuggita, nella speranza che questo le garantisse una vita migliore. Ha cercato lavoro come domestica, ma ben presto è stata costretta in un mondo oscuro e pericoloso: la prostituzione. La sua vita era una lotta costante per sopravvivere in condizioni disumane.

La richiesta di asilo e la speranza di un nuovo inizio

Nonostante le difficoltà, la giovane donna ha fatto richiesta di asilo, sperando di trovare finalmente un po’ di pace e sicurezza. Inizialmente, la sua richiesta è stata respinta, ma recentemente è stata parzialmente accolta. Questo potrebbe essere l’inizio della fine del suo incubo.

La paura del ritorno

La sua paura più grande è quella di dover tornare in Albania. La sua storia è stata raccontata dal Giornale di Brescia: “Se torno in Albania ho paura che mi ammazzino. Temo mio padre, temo l’uomo che volevano sposassi. Il fatto che me ne sia andata per lui è un’offesa”. La giovane donna sa che il suo passato potrebbe ancora tornare a perseguitarla, ma ora ha almeno la protezione del tribunale di Brescia.

La storia di questa coraggiosa giovane donna è un potente richiamo alla resilienza umana. Nonostante le avversità strazianti che ha affrontato, ha lottato per la sua libertà e ora, finalmente, può iniziare a guardare avanti, sperando in un futuro migliore lontano dalla violenza e dalla sofferenza che ha conosciuto fin troppo bene.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il lavoratore stava intervenendo sugli impianti elettrici dell'edificio quando ha improvvisamente manifestato sintomi di malore...
Il fatale episodio è accaduto nelle colline moreniche del Garda, presso il comune di Muscoline...
Il giudice per le indagini preliminari (GIP) di Brescia, Angela Corvi, ha emesso una convalida...

Altre notizie

Brescia Tomorrow