Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Brescia, pandori “normali” venduti come artigianali: pasticcere nei guai

I controlli non hanno concesso scampo

Le autorità italiane hanno recentemente condotto una serie di controlli straordinari su circa mille imprese in tutto il territorio nazionale. Queste ispezioni hanno portato alla luce un’elevata percentuale di irregolarità: circa il 38% delle aziende controllate, equivalenti a 382 strutture, presentavano varie non conformità. Questa scoperta ha evidenziato la necessità di una maggiore vigilanza nel settore commerciale e produttivo del paese.

Nel dettaglio, i problemi riscontrati nelle imprese controllate spaziavano dalle carenze igienico-sanitarie fino a veri e propri casi di frodi commerciali. Un aspetto particolarmente preoccupante è stata la scoperta di prodotti privi delle necessarie etichette di tracciabilità, un elemento cruciale per garantire la sicurezza e la trasparenza nella filiera alimentare. Queste violazioni hanno portato a un totale di oltre 585 contestazioni, sia di natura penale che amministrativa, e a sanzioni pecuniarie per un importo complessivo di oltre 423 mila euro.

Un episodio significativo si è verificato a Brescia, dove il proprietario di una pasticceria è stato multato per aver venduto pandori non prodotti in loco come se fossero dolci artigianali. In totale, 36 pandori sono stati sequestrati. Questo caso ha attirato l’attenzione non solo per la frode in sé ma anche per l’impatto che pratiche del genere possono avere sulla fiducia dei consumatori nei confronti dei prodotti artigianali locali.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Per tre giorni consecutivi, da venerdì 12 fino a domenica 14 aprile, dalle ore 10...
Una giornata di mobilitazione a tutela dei diritti dei lavoratori...
Rinascita della ciclopedonale Vello-Toline: tra sfide e innovazione...

Altre notizie

Brescia Tomorrow