Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Brescia: Casa di comunità in via Don Vender ostacolata da un edificio tutelato

Un inaspettato vincolo culturale ha spinto a cercare soluzioni creative per la Casa di Comunità Via Don Vender a Brescia, con un'analisi delle sfide e delle possibili strade da percorrere.

La Casa di Comunità sita in Via Don Vender a Brescia, unico edificio nella città che non rientra tra le proprietà dell’ASST Spedali Civili, è attualmente in una situazione di stallo. La causa principale di questa paralisi nel processo di sviluppo è rappresentata da un vecchio edificio, in cattive condizioni, che doveva essere demolito per fare spazio al servizio sanitario previsto. Tuttavia, a dicembre, la Soprintendenza ha posto un vincolo culturale su questo edificio, costringendo così a cercare un’alternativa progettuale che parta dal presupposto della sua conservazione.

Questo edificio, con origini poco chiare e che sembra non comparire nelle antiche mappe catastali del Regno d’Italia o in quelle austriache precedenti, è oggetto di un mistero storico. Tuttavia, il fascicolo della Soprintendenza include fotografie aeree risalenti alla seconda guerra mondiale, scattate dagli alleati, che confermano la sua esistenza in quel periodo. Nonostante la mancanza di documentazione precedente, questo edificio sembra aver svolto un ruolo importante nella storia della città.

L’inaspettato ostacolo rappresentato da questo edificio ha costretto a ripensare l’intero progetto. Inizialmente, si era previsto di abbatterlo per creare spazio per il nuovo servizio sanitario. Tuttavia, il vincolo culturale imposto dalla Soprintendenza ha reso necessaria la ricerca di una soluzione alternativa. Questa situazione ha causato ritardi nell’avvio del progetto e sollevato diverse domande sul suo futuro.

La Casa di Comunità in Via Don Vender è in una posizione precaria a causa di questo impasse. La pratica è ferma in Soprintendenza, e l’evoluzione futura del progetto è ancora incerta. La necessità di trovare una soluzione in tempi relativamente brevi è amplificata dal finanziamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) destinato a questo progetto, che impone vincoli temporali di spesa.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Attualmente, oltre 30 carabinieri sono impegnati nell'operazione, che ha già portato all'arresto di sette persone...
Il treno regionale veloce 2635, partito poco prima da Brescia e diretto verso Venezia, ha...
Un pasticcere 44enne della Valtrompia, titolare di una nota pasticceria, si trova al centro di...

Altre notizie

Brescia Tomorrow