Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Abusi sulla nipotina a Brescia: 76enne condannato

Accusato di aver commesso atti di violenza sessuale aggravata nei confronti della propria nipotina acquisita

La Corte Suprema Italiana ha recentemente pronunciato una sentenza definitiva in un caso che ha turbato profondamente l’opinione pubblica, sancendo la fine di un’odissea giudiziaria che ha avuto come protagonista un uomo di 76 anni, residente a Brescia. Accusato di aver commesso atti di violenza sessuale aggravata nei confronti della propria nipotina acquisita, la condanna dell’uomo è stata confermata, segnando un punto di svolta cruciale nella vicenda.

Gli episodi in questione, avvenuti tra il 2013 e il 2016, vedono la giovane vittima, all’epoca poco più che decenne, subire abusi e molestie mentre si trovava sola in casa con l’imputato. Il silenzio della bambina sull’accaduto si è protratto per anni, interrotto solo nel 2019 quando, trovato il coraggio, ha deciso di rendere pubblica la sua terribile esperienza. Questa rivelazione ha dato il via a un’indagine che ha portato alla luce la verità sull’orrenda condotta dell’uomo, già noto alle autorità per un tentativo fallito di intimidazione ai danni della madre della vittima e della stessa ragazza, al fine di far ritirare la denuncia.

La Corte d’Appello di Brescia, nel febbraio precedente, aveva già emesso un verdetto condannatorio, che ora trova conferma dalla Cassazione: l’uomo dovrà scontare una pena di cinque anni e mezzo di reclusione. Tuttavia, a causa dell’età avanzata e delle condizioni di salute dell’imputato, si ipotizza la possibilità che la detenzione possa svolgersi in forme alternative al carcere tradizionale.

Il caso ha anche visto coinvolte altre figure: l’imputato e la moglie furono condannati per un tentativo di ostruzione alla giustizia, avvenuto nel 2020 quando tentarono di persuadere la madre della vittima a ritirare le accuse, un gesto che ha aggravato ulteriormente la loro posizione agli occhi della legge.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il lavoratore stava intervenendo sugli impianti elettrici dell'edificio quando ha improvvisamente manifestato sintomi di malore...
Il fatale episodio è accaduto nelle colline moreniche del Garda, presso il comune di Muscoline...
Il giudice per le indagini preliminari (GIP) di Brescia, Angela Corvi, ha emesso una convalida...

Altre notizie

Brescia Tomorrow