Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Gennaio 2024: temperature anomale e “Giorni della Merla” inaspettatamente mitigati

Scopri le sorprendenti anomalie termiche di gennaio 2024 e come il clima invernale sta subendo cambiamenti inaspettati, con temperature che sfidano le previsioni e il trend di riscaldamento globale.

Mentre ci prepariamo ad accogliere i famigerati “giorni della merla“, le previsioni meteo ci sorprendono con temperature invernali assai poco consuete. Il mese di gennaio, tradizionalmente associato al freddo e alla neve, ha mostrato un volto sorprendentemente mite quest’anno, con una temperatura media che si attesta fra 2,5° e 3 gradi al di sopra della media storica.

Il clima mite che ha caratterizzato gli ultimi giorni sembra destinato a persistere almeno fino ai primi di febbraio, soprattutto nelle località di alta collina e montagna. Questo significa che persino durante i “giorni della merla,” ovvero gli ultimi tre giorni di gennaio, ci aspettiamo condizioni meteo poco invernali. Oggi, 25 gennaio, le temperature attorno ai mille metri di quota hanno superato i 10 gradi, segnando addirittura picchi di 13 gradi a Edolo, 14,5 gradi a Sellero, e 14,4 gradi sui quasi 1500 metri del Monte Stino, fra il Garda e il Lago d’Idro. Ancora più sorprendente, le località dell’Appennino Tosco-Emiliano hanno registrato temperature fino a 16 gradi in piena notte, grazie alle correnti miti dell’anticiclone africano.

Questo inverno sta mettendo a dura prova gli amanti del freddo e della neve, con la possibilità concreta che febbraio non sia troppo diverso da gennaio. Allo stesso tempo, potrebbe persino anticipare l’arrivo della primavera, con il mese di febbraio che potrebbe riservarci sorprese primaverili già a metà mese.

Nel fine settimana in arrivo, le condizioni meteorologiche cambieranno poco o nulla. Anche l’arrivo di un fronte freddo sull’Europa orientale, con un significativo calo delle temperature, non influenzerà il clima padano, che rimarrà mite e soleggiato, con temperature intorno ai 10/11 gradi.

Oggi e domani, il sole sarà parzialmente offuscato da foschia e nebbia, limitando il riscaldamento delle temperature. Tuttavia, il sabato e la domenica si preannunciano più soleggiati, con i termometri che raggiungeranno i 12/13 gradi nelle ore del primo pomeriggio. Le località di montagna, invece, vedranno temperature più contenute, non superiori ai dieci gradi nonostante la presenza del sole.

La stabilità del tempo e le temperature miti saranno il leitmotiv anche durante la prossima settimana. L’anticiclone sembra straordinariamente potente e si estende su gran parte dell’Europa occidentale e centrale, compreso il Mediterraneo, formando una vera e propria barriera che impedisce l’ingresso di fronti perturbati atlantici. Questa situazione dovrebbe perdurare almeno fino al 5 febbraio, esponendo il nord Italia a correnti da nord-ovest che porteranno a repentini rialzi delle temperature grazie ai venti tiepidi di fohn. Tuttavia, si profilano anche problemi legati all’inquinamento dell’aria, con la concentrazione di polveri sottili che supera i limiti e la qualità dell’aria che sarà pessima almeno fino a sabato, a causa della mancanza di ventilazione e della compressione dell’aria tipica delle aree ad alta pressione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Tuttavia, verso sera, si attende una generale diminuzione dell'intensità dei fenomeni...
Le prime ore del mattino di mercoledì 10 aprile hanno messo in evidenza i danni...
Le previsioni meteorologiche indicano un imminente peggioramento delle condizioni atmosferiche...

Altre notizie

Brescia Tomorrow