Brescia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Brescia: violenta aggressione e rapina a un giovane vicino alla stazione in pieno giorno

Nonostante le grida di auito del 21enne aggredito nessuno è intervenuto per aiutarlo

Un agghiacciante episodio di violenza è avvenuto martedì 30 gennaio a Brescia, quando un ragazzo di 21 anni è stato brutalmente picchiato e derubato da due giovani in pieno giorno, nelle vicinanze della stazione ferroviaria. La vittima ha rivelato che questa non è stata l’unico atto violento avvenuto nella stessa zona quel pomeriggio, evidenziando un problema di sicurezza preoccupante.

L’aggressione si è verificata intorno alle 16, nella zona compresa tra la stazione ferroviaria di Brescia e quella degli autobus di via Solferino. Il giovane studente bresciano, dopo essere stato brutalmente aggredito, ha prontamente denunciato l’incidente alle autorità e successivamente è stato accompagnato in pronto soccorso per le cure necessarie.

La vittima ha fornito una dettagliata ricostruzione dell’accaduto, spiegando che i due aggressori erano due giovani, di cui uno nemmeno maggiorenne. Mentre si dirigeva verso la passerella che porta alla stazione degli autobus, il più giovane dei due ha iniziato a tirargli lo zaino chiedendo denaro. Nonostante il tentativo di divincolarsi, il giovane è stato affrontato da un altro ragazzo poco distante. Quest’ultimo ha cercato di convincerlo a dare del denaro, ma quando la vittima si è rifiutata, è stata oggetto di violenza fisica, con calci e pugni, fino a essere buttata a terra.

Il 21enne ha riferito agli agenti di essere stato immobilizzato a terra da uno degli aggressori mentre l’altro gli strappava il telefono cellulare. Dopo l’aggressione, i due aggressori sono fuggiti in direzione della stazione ferroviaria. Sorprendentemente, il giovane ha anche rivelato che questo non è stato l’unico episodio violento avvenuto nella stessa zona durante quel pomeriggio. Altri individui avevano subito attacchi simili, con una vittima che è stata addirittura colpita con una bottiglia di vetro.

La madre del 21enne aggredito ha espresso la sua frustrazione riguardo alla mancanza di intervento da parte dei presenti durante l’aggressione, nonostante le urla di suo figlio. Ha inoltre contattato le autorità per chiedere maggiori controlli nella zona della stazione, ma le è stato consigliato di coinvolgere i commercianti locali e presentare un esposto per richiedere maggiori misure di sicurezza. Questo ha sollevato interrogativi sulla questione del diritto alla sicurezza delle persone in un contesto pubblico e ha evidenziato la necessità di affrontare il problema della criminalità nelle vicinanze della stazione di Brescia.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il lavoratore stava intervenendo sugli impianti elettrici dell'edificio quando ha improvvisamente manifestato sintomi di malore...
Il fatale episodio è accaduto nelle colline moreniche del Garda, presso il comune di Muscoline...
Il giudice per le indagini preliminari (GIP) di Brescia, Angela Corvi, ha emesso una convalida...

Altre notizie

Brescia Tomorrow